Tutela e Recupero razze
printprintFacebook
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Facebook  

Abbeveratoi e fontane

Last Update: 10/10/2014 2:24 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/26/2013 6:08 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

In alcune vecchie ed antiche fontane rurali del Nisseno,vi sono delle sculture, oppure dei disegni in terracotta,dove vi è raffigurato il beato San Francesco con alcuni animali di cui è il Santo protettore.
Antica fontana di contrada Cozzo di Naro.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/26/2013 6:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Antica fontana rurale di Borgo Petilia.
OFFLINE
Post: 2,625
Post: 1,346
Registered in: 12/23/2012
9/26/2013 8:00 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Veramente belle ,quella con i pilastri è del periodo fascista ,l'unico periodo nel quale l'acqua era gratis e non esistevano rubinetti .
Un peccato veramente vederle in questo stato .

OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/26/2013 10:09 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vecchia fontana di Niscima traversa per Cozzo di Naro.
Alcuni anni fà,in questa fontana ci venivano ha prendere l'acqua diversi contadini della zona sia per abbeverare gli animali che per annaffiare gli ortaggi e tantissimi anni prima,pure per dare da bere hai tanti animali da cortile comprese le galline siciliane e le cornute in quanto in questa zona vi erano due vecchi contadini che allora allevavano questa antica razza endemica.
Oggi come si può notare da queste foto,tutto abbandonato,la fontana è asciutta ed invasa da tante erbacce,mentre l'acqua è stata tagliata.
Come dice un vecchio proverbio,"stavamo meglio e bene quando stavamo peggio".
[SM=g7398]
[Edited by Salvo.A 9/26/2013 10:12 PM]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
12/9/2013 12:29 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Antica Fontana abbeveratoio del Canalello
Antica Fontana abbeveratoio del Canalello del 1632,sita in Viale Amedeo di Caltanissetta.
Questa antica Fontana,nel 1993 dovendo sistemare quella strada e quella piazza, era stata smontata e successivamente dopo i lavori è stata rimontata nello stesso luogo,pietra per pietra e tutte allo stesso posto come lo erano diversi secoli prima quando fu costruita la prima volta.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
2/14/2014 11:02 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

vecchia fontana rurale
Vecchia ed antica fontana rurale del Santissimo.
L'acqua di questa antica fontana,negli anni passati come oggi,è stata da sempre usata dai contadini e pastori sia per bere,per abbeverare i greggi e per prelevare l'acqua per i Polli.
[SM=g7422]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
2/18/2014 12:52 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vecchia Fontana della Mintina
Vecchia ed antica Fontana rurale della Mintina.
L'acqua della vicina sorgente che sgorga in questa antica Fontana,una volta serviva sia per bere che per abbeverare le mandrie di animali.
Oggi invece sono rimasti pochissimi pastori e l'acqua da bere per uso umano la andiamo ha comprare imbottigliata nei supermercati.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
[Edited by Salvo.A 2/18/2014 12:57 PM]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
7/21/2014 2:21 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vecchi ed antichi pozzi agricoli
Vecchi pozzi agricoli di una volta, scavati con tantissima fatica e con il duro lavoro dei nostri vecchi contadini e pastori, per poi essere utilizzati sia per l'acqua da bere, che per fare il formaggio e la ricotta, abbeverare le greggi, per le galline, ed annaffiare anche gli ortaggi, mentre oggi purtroppo è tutto abbandonato.
Alcuni vecchi pozzi si sono ancora oggi conservati integri compresa la cupola, mentre altri si sono distrutti, e l'altro giorno raccogliendo Origano ed Iperico sopra alcune colline, nell'occasione ho potuto scattare alcune foto, ed anche perchè per noi appassionati di animali e della natura queste cose ci fanno e ci faranno sempre piacere poterli osservare.
Sotto, alcune foto panoramiche della collina, di una vecchia abitazione rurale distrutta ed abbandonata, di uno scifo scolpito nella pietra per abbeverare le galline e le colombe, e l'Origano e l'Iperico da me raccolto.
Per quando riguarda l'Origano, tutti sappiamo quando è ottimo per diverse ricette in cucina, mentre l'Iperico, si raccoglie sempre verde, si sistema all'interno di una bottiglia di vetro piena al massimo, si riempie di olio di oliva, dopodicchè si mette per 40 giorni al sole fino a quando l'olio diventa completamente rosso, poi si filtra con un telino o meglio con una calza collant da donna, e può essere utilizzato per diversi usi, principalmente per curare è guarire le ferite a seguito di piccoli o grandi incidenti, strofinando l'olio rosso con una garza 2 - 3 volte al giorno sopra le ferite, è come dicono pure tanti vecchi pastori, l'olio di Iperico guarisce completamente tutte le ferite senza l'asciare tracce di cicatrici, oppure per quando riguarda le grandi ferite li cicatrizza e li riduce al massimo.
L'olio di iperico i pastori lo usano spesso per curare è guarire le ferite di tutti i loro animali, pecore,capre,mucche, cavalli ecc. ma può essere pure utilizzato tranquillamente per gli usi umani.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
7/21/2014 4:09 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Sempre nelle colline dell'origano
Nelle nostre colline del Nisseno,come in tanti altri posti, cresce spontaneamente anche la Malva,il Pungitopo e tante altre erbe selvatiche aromatiche e medicinali, e nell'occasione della raccolta dell'Origano, ho potuto anche raccogliere alcuni teneri Asparagi ed anche di Pungitopo.
Per quando riguarda la Malva, cresce spontaneamente in tutti i posti sia in pianura che in collina, ne esistono diverse varietà, ma tutte sono ottime e possono essere usate a scopo terapeudo per le proprietà antinfiammatorie, espettoranti e lassative, per guarire alcune infiammazioni dell'intestino, ed è assai utile anche come cosmetico. Si raccoglie quando è fiorita, si fa asciugare a mazzetti all'ombra e quando i fiori e le tenere foglie si essiccano, si sminuzza con le mani e si conserva principalmente in contenitori di vetro, oppure anche in sacchetti di plastica per poi essere usata per tantissimi usi: per rinfrescare l'intestino, versare 2 cucchiai di fiori e foglie in un quarto di acqua, far bollire per 5 minuti,filtrare con un telino o con il scolalatte e bere un paio di bicchieri al giorno, si può usare pure per il mal di gola, contro la tosse, per il mal di denti e per tantissimi altri usi.
Mentre per quando riguarda il Pungitopo, è una pianta diuretica ed ha pure delle proprietà infiammatorie, si raccogono i rizomi e le foglie, si fanno essiccare all'ombra, poi si fanno a pezzetti e si conservano nei contenitori di vetro, per poi essere utilizzati per tanti usi come i disturbi renali, si versano 4 cucchiai di rizomi e foglie in un litro di acqua, si fa bollire per 20 minuti e poi filtrare e bere 3 bicchieri al giorno, può essere utilizzato nello stesso modo per curare la flebite, contro le varici ecc. ed in'oltre i teneri asparagi di pungitopo si possono utilizzare cotti come normali asparagi, anche se sono più amari, ma io preferisco le normali asparagi (asparagus officinalis), di cui ne esistono di diverse varietà: il bianco che è il più grosso, il nero, il giallastro, ed altre varietà di montagna chiamato in dialetto asparago di trono, che sono completamente diversi dei primi 3 e che crescono spontanei nelle altre colline incolte principalmente su Monte Cammarata, e ne esistono pure altre specie diverse.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
[Edited by Salvo.A 7/21/2014 4:13 PM]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
7/21/2014 5:04 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

L'Acanto ed altre erbe e fiori selvatici
Nelle nostre colline,oltre all'origano,il Pungitopo ecc., cresce spontaneo anche l'Acanto (Acanthus mollis),pianta spontanea dai fiori rosato-violaceo, che si raccolgono in questo periodo insieme alle foglie quando sono ancora verdi, che si fanno seccare all'ombra per poi conservarli in appositi contenitore di vetro, e per essere utilizzati per le infiammazioni, per le dermatiti e per tanti altri usi.
Per quando riguarda le dermatiti, versare 4 cucchiai di foglie bollire in un litro di acqua calda, filtrare ed lavare le parti colpite. Inoltre questa pianta è molto golosa pure alle Capre,Pecore e Mucche.
In questi terreni incolti, inoltre si notano pure diverse piante di viti e di tanti altri fiori selvatici di collina, in quando una volta i nostri contadini in quelle piccole porzioni di terreno coltivabili, piantavano vigneti e tanti altri alberi da frutto, attualmente distrutti per gli incendi delle estati passate e per la mancanza di parafuochi, mentre una volta, i vecchi contadini li coltivavano frequentemente,li zappavano e li aravano con i muli e si evitavano tantissimi incendi.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
[Edited by Salvo.A 7/21/2014 5:07 PM]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
7/22/2014 12:10 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Fontane e sorgenti
Le fontane,le sorgenti,i piccoli ruscelli e tanti altri posti acquitrinosi, sono sempre pieni di Rane. Questi anfibi sono il principale cibo delle giovani Biddine, ma poi da adulte cambiano alimentazione è si nutrono di prede più grandi come grossi pesci, uccelli acquatici, conigli ed altri animali che si portano nella palude per bere.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/7/2014 12:07 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vecchia ed antica fontana di Spogliapadrone alta
Una volta in questa vecchia fontana sgorgava sempre l'acqua, e tanti agricoltori del luogo, oltre ad andare ad abbeverare le mandrie, nell'occasione facevano pure rifornimento di acqua che trasportavano con le mezzeruole di legno sopra i Muli per i bisogni nelle masserie e per fare il formaggio e la ricotta.
Oggi invece come si può osservare, non solo non sgorga più l'acqua, ma è tutto abbandonato e distrutto.
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/7/2014 12:29 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ponte di Capodarso e la vicina fontana.
Il ponte Capodarso è un ponte del XVI secolo che attraversa l'Imera Meridionale al confine tra le attuali province di Caltanissetta ed Enna.
Il ponte è stato costruito a partire dal 1553 sul fiume Salso un tempo Imera Meridionale per ordine di Carlo V per facilitare il trasporto delle merci e delle persone nell'entroterra siciliano, tra il Val di Mazara (a cui la città e il territorio di Caltanissetta appartenevano) e gli altri due Valli. Tuttavia esso non fu praticamente mai utilizzato sino al 1847-48 quando, trasformato da ponte ad un solo arco a schiena d'asino a ponte piano a tre fornici, venne adattato per consentire il passaggio della strada rotabile Caltanissetta-Piazza Armerina.
Il collegamento rotabile con Enna fu poi terminato solo dopo l'Unità d'Italia. In seguito ad una piena anomala crollò nel 1960 e fu ricostruito secondo il disegno del XIX secolo. Il pittore francese Jean Houel ne fece un disegno ad acquarello alla fine del XVIII secolo, in quanto considerato assieme al monte Etna ed alla fonte Aretusa di Siracusa, una delle meraviglie della Sicilia (un monte, un ponte e un fonte). Esso è situato in località Capodarso (Capitarsu in siciliano), un luogo selvaggio e impervio, protetto da piccole ripide alture che chiudono il Salso in una stretta gola. Il ponte Capodarso è ancora oggi funzionante e largamente utilizzato. Fa parte della SS 122 ed è fondamentale per gli spostamenti tra Caltanissetta ed Enna, nonostante la realizzazione della sovrastante SS 626. Annualmente il ponte è attraversato dalla storica Coppa Nissena.
Il ponte di Capodarso ed il Fiume Salso.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/7/2014 12:44 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vecchia ed antica Fontana di Capodarso.
La vicina ed antica fontana del Fiume Salso,oggi è tutta abbandonata ed invasa dalle erbacce, ed anche se l'acqua della sorgente sgorga ancora, nessuno provvede per pulirla e per farla osservare hai turisti che transitano e si fermano in quei luoghi, per osservare queste antiche meraviglie che fanno parte della nostra storia.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 2,625
Post: 1,346
Registered in: 12/23/2012
9/7/2014 5:02 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

ormai la pastorizia è morta e nelle campagne trovi solo desolazione e abbandono.

OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/10/2014 3:56 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Desolazione abbandono e non solo
anche per i vecchissimi ed abbandonati fabbricati rurali i proprietari ereditari di queste vecchie costruzioni che sono la vera storia rurale dei nostri vecchi contadini e dei nostri AVI, tutti i Comuni fanno pagare l'I.M.U come seconda casa per fare Cassa, ed anche perchè, il 50% degli incassi vanno ai Comuni e l'altro 50% allo stato di questa nuova politica rovina italiani".
Non è giusto fare pagare l'I.M.U. come seconda casa per i vecchi fabbricati rurali, ed anche perchè la maggioranza sono abbandonati e tanta povera gente che non ha i soldi nemmeno per mangiare e lo sai cosa stanno facendo per evitare questa ingiusta tassa? Hanno preso le ruspe e la maggioranza di queste antiche e bellissime costruzioni le hanno eliminate ed hanno fatto un ammasso di cumulo di pietre.

OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/10/2014 5:02 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 2,625
Post: 1,346
Registered in: 12/23/2012
9/10/2014 7:47 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

[SM=g7506] anche io ho abbattuto una vecchia casa ...è impossibile pagare tutte le tasse che ci sono sopra

OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
9/18/2014 1:39 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Hai fatto bene ad abbatterla,ed anche perchè è un'ingiustizia pagare come seconda casa un vecchio ed antico fabbricato rurale.
Guarda queste foto, diversi agricoltori per non pagare questa maledetta ed ingiusta tassa hanno scoperchiato i loro vecchissimi ed antichi fabbricati rurali e come si può osservare,vi è all'interno il vecchio forno dove una volta le donne cucinavano il pane e gli arrosti, le mangiatoie delle Vacche e dei Muli e gli anelli, tanti altri hanno preso le ruspe e li hanno abbattuti, e nel cumulo si notano le bellissime e vecchie pietre scolpite dai vecchi AVI con le mannare e con il loro duro lavoro quando li avevano costruite, le relative tegole, i travi, le tavole, la porta d'ingresso, la vecchia serratura, le cerchie delle piccole botti ed il resto, perchè la gente è abbastanza stufa è delusa di tutte queste tasse e della politica di questi ultimi anni.
E un vero peccato che queste vecchie costruzioni rurali che sono la storia dei nostri contadini, ("per colpa di queste maledette tasse") fanno questa brutta fine.
Peccato.
[SM=g7422]
[SM=g7398]
OFFLINE
Post: 3,134
Post: 2,172
Registered in: 12/24/2012
Location: CALTANISSETTA
Vice Amministratore
10/10/2014 2:24 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Di questi argomenti tasse sui fabbricati,ne hanno parlato pure ieri sera alle ore 21,20 su Rai 2 nella trasmissione "Virus", dove tante persone intervistate, hanno dichiarato di aver ereditato dai vecchi genitori la vecchia casa di piccoli paesini, oppure il capannone o il fabbricato rurale, (e per cause di queste care e allucinanti tasse sui fabbricati), e poichè non riuscivano ad affittarli, sono stati costretti a scoperchiare tanti capannoni e diversi fabbricati rurali, e tanti altri ad abbatterli con le ruspe per evitare di pagare questa salata ed ingiusta tassa su questi antichi stabili.
Questo significa fare distruggere diversi pezzi di tradizione e di storia contadina.
La tassa sulla casa di abitazione e sui vecchi fabbricati rurali è ingiusta e speriamo che la nuova politica fatta di persone giuste e democraticamente eletti con le preferenze di tutti i cittadini figli di questa madre patria, la cancella X sempre, perchè è un'ingiustizia fare pagare la tassa sulla casa fatta con tantissimi sacrifici dai nostri vecchi contadini e dai nostri sacrifici con tanti prestiti ancora da pagare.
[SM=g7422]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag cloud   [show all]
Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:26 AM. : Printable | Mobile | Regolamento | Privacy
FreeForumZone [v.5.2] - Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com