00 1/14/2013 11:06 PM
In Sicilia abbiamo diverse specie di serpenti innocui di cui:
Il Colubro di esculapio (Elaphe Longissima) detto anche in dialetto Impasturavacche in quando questo serpente come la maggioranza di tutte le altre specie sono ghiotte di latte,il Saettone occhirossi (Elaphe lineata),il Cervone(Elaphe Quatuorlineata),il Biacco nero (Hierophis Viridiflavus),il Colubro leopardino (Zamenis Situla),la velenosa Vipera Aspis (Hugyi Schinz),che si riconosce facilmente per le sue dimensioni ridotte,la testa a triangolo e l’occhio verticale.Ma il nostro più grosso,robusto e lungo serpente è la nostra Biddina palustre, grande serpente anfibio che vive nelle paludi,fiumi e laghi delle nostre zone interne della Sicilia che fa parte della famiglia delle Natrix ed è molto difficile poterlo osservare,anche perché passa la maggior parte del suo tempo nelle acque oppure in mezzo alle canne palustre,ma sa cacciare anche fuori dell’acqua e qualche volta si può incontrare pure il mezzo ai cespugli,ma sempre nelle vicinanze di zone acquitrinose.
Di tutte le specie di serpenti,le femmine sono più lunghe e robuste dei maschi.
Oggi ho incontrato in un negozio di prodotti per l’agricoltura un pastore delle zone di Cammarata,il quale raccontava che l’anno scorso mentre effettuava la mietitura del fieno con il trattore cingolato e la barrafalciante, mentre effettuava il suo lavoro,involontariamente si trovava sulla linea della barrafalciante una grossa Biddina sicuramente femmina, la quale è stata tagliata in alcune parti posteriori del suo lungo corpo dalla lunga falce e successivamente quando è andato indietro con il trattore,forse perchè il rettile voleva nascondersi sotto il mezzo è stata leggermente schiacciata da un cingolo. Il pastore,riferiva pure che il grosso rettile era ancora vivo e sano,anche se aveva alcune ferite ed aveva una lunghezza di circa mt. 2,50, una grossa testa larga ed appiattita con il muso rosso ed in base alla sua lunghezza e grossezza,un po' più grosso di una bottiglia di acqua minerale di due litri,doveva pesare intorno ai 10 kg.
Successivamente il rettile un po' malconcio,ma che per fortuna gli era rimasta la testa sana, accompagnato dal manico di una forca il pastore lo gettò nel vicino ruscello con acqua ed è sicuro che si sarà ripreso.

[Edited by Salvo Amico 8/18/2020 5:49 PM]