Luigi's Mansion 2 HD Vieni ad acchiappare i fantasmi con noi su Award & Oscar!

Tutela e Recupero razze Ci occupiamo della salvaguardia del patrimonio animale e vegetale Siciliano

Innesti sperimentali

  • Posts
  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 4/7/2013 2:12 PM
    Innesti di melanzane e peperoni
    Da qualche anno faccio innesti sperimentali su piante selvatiche e piante da orto allo scopo di ottenere ibridi con impollinazione artificiale ,lo scopo è semplice ottenere varietà resistenti che crescano in qualsiasi condizione climatica e senza acqua di irrigazione.
    Vi propongo questo ,premesso che non conosco il portainnesto sicuramente è una solanacea "velenosa" raccolta al bordo di una strada trafficata e molto resistente .
    Innesto praticato per approssimazione ,questo si adatta a esperimenti vegetativi .

  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 5/11/2013 11:07 PM
    Ha funzionato alla grande [SM=g7515] [SM=g7405]

  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 5/12/2013 12:05 AM
    Bene,questi tuoi innesti sperimentali sono molto interessanti.
    Nella mia campagna crescono spontanei i cocomerelli selvatici e come crescono devo provare pure ad usarli come portinnesti ed innestarli con quelli domestici e sicuramente daranno buoni frutti.
  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 5/12/2013 11:16 AM
    Anche questa pianta dove ho innestato la melanzana cresce ovunque ,anzi più il terreno è schifoso meglio è ,l'ho trovata in qualsiasi terreno anche salati e gessosi e perenne ha foglie verdi anche in inverno .
    Del cocomero il periodo è ora ,devi innestare su nuovi getti per approssimazione ,i meloni devono avere le prime foglie vere ,non necessitano di acqua .Meglio se scegli cocomeri asinini che hanno più di due anni il rizoma grosso permette la crescita di meloni molto grossi ,taglia tutti i getti del cocomero lasciandone solo uno .
    Appena posso posto le foto di innesti di pomodoro che già fruttificano .

  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 5/20/2013 7:38 PM
    Questa è la pianta selvatica dove ho innestato le melanzane .

  • Enrico(12) facciabianca
    00 5/23/2013 9:00 PM
    Interessante, hai delle foto in cui si vede meglio il risultato ?
  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 5/24/2013 8:15 PM
    Re:
    cirasa72, 20/05/2013 19:38:

    Questa è la pianta selvatica dove ho innestato le melanzane .


    Questa pianta come si chiama,non l'ho mai vista,oppure non ci ho fatto mai caso.
    Tu che fai la coltivi,oppure quando la trovi selvatica la estirpi e poi la ripianti nel tuo orto e su di di essa ci innesti le melenzane.
    Poi ci fai vedere i frutti sulla pianta.
    [SM=g7369]
    [SM=g7504]



  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 5/24/2013 8:58 PM
    Non conosco il nome ,forse è questa it.wikipedia.org/wiki/Datura_inoxia

    Ho aperto una discussione su Agraria ,qualcuno dice che la melanzana potrebbe essere velenosa [SM=g7516]

  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 5/26/2013 12:53 PM
    altre foto di confronto
    A differenza di piante senza innesto la crescita è molto rapida .

  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 5/26/2013 3:27 PM
    Bene,i famosi innesti per approssimazione per cambiare cultivar varietà, oppure per farli fruttificare prima.
    Tutte le piante nati selvatici da seme,dopo diversi anni producono frutti con le sembianze dei genitori,ma più piccoli.
    Se invece sono innestati,fruttificano prima e ci producono frutti più grandi e più selezionati.
  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 5/29/2013 6:15 PM
    orto cresce a vista d'occhio ,già i primi raccolti [SM=g7369]

  • Enrico(12) facciabianca
    00 6/4/2013 9:37 PM
    Non hai avuto problemi col freddo di questa primavera? E con l'eccessiva piovosità?
  • Enrico(12) facciabianca
    00 6/4/2013 9:38 PM
    Che fortuna, qua è tutto acerbo ancora !
  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 7/19/2013 5:18 PM
    Re:
    cirasa72, 20/05/2013 19:38:

    Questa è la pianta selvatica dove ho innestato le melanzane .


    Giovanni questa è una Nicotiana glauca,cioè un "Tabacco selvatico Siculo" dalla grandi foglie. Ricordandomi delle tue foto postate,oggi mentre percorrevo la Strada Provinciale vicino Bosco Stincone,ho notato sul ciglio della strada due piante di cui una giovane e l'altra più grande fiorita e cosi'li ho fotografate.
    Nicotiana glauca Sicula
    Nicotiana glauca Graham Solanaceae Tabacco glauco, Tabacco arboreo.
    Piante legnose con gemme perennanti poste tra 20 cm e 2 m dal suolo. Descrizione: pianta cespugliosa o arbusto alto fino a 6 m con fusto legnoso e glabro a corteccia scura; foglie alterne glauco-azzurrine, picciolate e coriacee, a lamina da ovata a lanceolata e margine intero; fiori tubulosi disposti in lasse pannocchie apicali; tubo calicino di 6-7 mm a denti ottusi; corolla gialla lunga circa 3,5 cm con 5 piccoli denti molto ottusi; frutto capsula ellissoidale lunga 7-10 mm. Tipo corologico: Avv. - Avventizia o naturalizzata (che si diffonde allo stato spontaneo su territori diversi dal suo areale originario). S-Americ. - America del sud. Antesi: in clima caldo può fiorire tutto l'anno. Distribuzione in Italia: la pianta, ovviamente come esotica naturalizzata, è presente in LIG, TOS, LAZ, MAR, MOL, CAM, PUG, CAL, SIC e SAR, non più ritrovata in Piemonte. Habitat: cresce su vecchi muri, rupi, macerie, zone paludose o substrati a impasto leggero da 0 a 600 m; osservata anche nello spartitraffico centrale delle carreggiate stradali fra il bitume. Note di Sistematica: L'esotica Nicotiana tabacum L. (Tabacco Virginia) è specie ampiamente coltivata anche in Italia per la produzione del tabacco. Etimologia: il termine generico deriva da Jean Nicot (1530-1600), diplomatico francese, che nel 1560 introdusse in Europa i primi semi della pianta del tabacco, mentre l'epiteto specifico è dal lat. gláucus che a sua volta deriva dal greco "glaukós" di colore verde-azzurro.
    Sotto,piante di Nicotiana gauca Sicula,fotografate oggi sulla strada provinciale nei pressi di Bosco Stincone.
    [SM=g7422]





  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 7/19/2013 9:31 PM
    Per me non si tratta della stessa pianta .
    La prima è quella che uso per le melanzane fa un fiore bianco grande in agosto.
    Il secondo mi sembra un arbusto con foglie simili e perenne -
    In quelle zone non raccogliere niente ,,...,, in un casolare abbandonato
    sono stati ritrovati quintali di medicinali ci sono molti sospetti che tutto il territorio sia stato usato come discarica di porcherie varie .

  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 7/20/2013 9:21 PM
    Ne hanno parlato quasi tutti i giorni i giornali,che in quelle miniere in passato dopo la loro chiusura,vi sono state delle sospette discariche abusive di materiali pericolosi ed in questi dicono pure,che stanno facendo delle verifiche tramite alcuni sondaggi.
    [SM=g7422]
  • Enrico(12) facciabianca
    00 11/4/2013 7:38 AM
    Nelle marche una volta era di uso comune innestare i prugnoli (i Susini selvatici) che crescevano lungo le stradine o i bordi dei campi e nelle macchie e boschi con le susine dette "dolci".. Queste piante crescevano senza nessuna cura, alte e disordinate e facevano susine dolcissime per anni, che servivano all uomo quanto agli uccelli selvatici e ai mammiferi... sono scomparsi con la pulizia anti ecologica che hanno fatto gli agricoltori lungo i bordi dei campi e perché nessuno innesta più i prugni selvatici