Tutela e Recupero razze Ci occupiamo della salvaguardia del patrimonio animale e vegetale Siciliano

Viti nostrani coltivati una volta dai nostri nonni nelle campagne del Nisseno

  • Posts
  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 4/6/2014 11:12 PM
    Varietà
    Catarratto bianco,varietà con grappolo grande con chicchi stretti nel grappolo.
    Fragolino,varietà con chicchi piccoli e gustosi dal sapore di fragola, produce un ottimo vino.
    Giugnittina bianca,varietà che matura nel mese di giugno.
    Inzolia bianco,veniva usata dai nostri nonni come uva da tavola è produce un ottimo vino bianco.
    Lacrime della Madonna,varietà bianca dai chicchi particolari.
    Lacrime della Madonna rossella,varietà con chicchi rosa.
    Mascolese,varietà di uva grossa e nera.
    Mantonico di Naro,varietà di uva bianca a chicchi pieni uniti ed a grappoli grandi.
    Mascia Vannuzza,varietà di uva bianca grossa da tavola.
    Negrello cappuccio,varietà con chicchi neri normali stetti tra loro, molto dolce è produce un ottimo vino.
    Nocera nero chiaro,varietà con chicchi grossi produce molto mosto di scarsa gradazione.
    Petrosino,varietà di uva bianca con foglie frastagliate come il prezzemolo, matura nel mese di giugno.
    Profumata bianca,varietà gustosa e profumata da tavola,produce un eccellente vino.
    Profumata nera,varietà gustosa e profumata da tavola,produce un ottimo vino.
    Rosella grande,varietà dai chicchi medio grossi rosella,uva da tavola.
    Rosella piccola, varietà dai piccoli chicchi rosella, uva da vino.
    Zibibbo,ottima varietà da vino,in tutte ne esistono 33 sottospecie diverse.
    Se ne conoscete altre antiche varietà coltivate dai vostri nonni,sia nelle campagne del Nisseno come in tanti altri posti d'Italia,potete pure aggiungerle.
    [SM=g7422]
  • OFFLINE
    cirasa72
    Post: 2,625
    Post: 1,346
    Registered in: 12/23/2012
    00 4/9/2014 8:11 PM
    Un bell'elenco sarebbe bello fotografare le varietà sulle viti ,molte si sono perse .

  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 4/10/2014 12:40 PM
    Si,sicuramente tante di queste antiche varietà si saranno perse.
    Avantieri ne ho parlato con un mio zio,e mi raccontava,che tantissimi anni fà il mio nonno materno coltivava nel suo vigneto la maggioranza di queste varietà, produceva tanti ottimi tipi di vini diversi,sia di colore come il bianco, il nero ed il rosa e sia quello più gustoso dalle varietà di viti che producono l'uva odorosa e che conservava in tante e diverse apposite botti di legno come il rovere ed il castagno.
    Cmq se ti interessa qualche piantina di vite da uva odorosa che produce un eccellente vino, te la posso regalare, ed anche perchè,ho messi alcuni rametti da pota in alcuni vasi per poter fare le radici,e l'anno successivo si possono trapiantare nel terreno.
    Come sappiamo benissimo,la maggioranza delle varietà di viti si innestano sui barbatelli selvatici di circa un anno prodotti da seme, però si possono anche moltiplicare per talea, come tantissime altre piante.
    [SM=g7422]
  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 8/18/2014 11:54 PM
    La Vendemmia
    Una volta,i nostri nonni quando effettuavano la vendemmia,invitavano diversi amici e parenti, di cui tantissimi uomini e donne, anziani e giovani, poi a mezzogiorno si mangiava per terra in mezzo alla vigna tutti insieme, pane, vino, pizzette e spincione cucinati in campagna nel vecchio ed antico forno a legna dalle nostre nonne, ed allora vi era vera aria di festa, con tutta quella gente, con tutte quelle bellissime naturali è genuine ragazze di cui tante contadinelle, e nell'occasione della vendemmia, tanti ragazzi è ragazze si conoscevano, e successivamente si facevano fidanzati.
    Poi nel pomeriggio quando si terminava la vendemmia, si trasportavano i cufina chini di racina (i cestoni pieni di uva) nel proprio e locale parmento, e con i piedi ed i scarponi o stivali, si pestava per diverse ore tutta l'uva e si faceva il mosto, dopodicchè si sistemava nella apposite botti di Castagno e di Rovere, e poi si faceva fermentare per diversi giorni al naturale, si metteva sempre all'interno del buco di chiusura delle botti la "Muscatiddara" (la Salvia moscata), e cosi' gli dava un gusto particolare al vino.
    Sotto, la Salvia moscatella.
    [SM=g7422]
    [SM=g7398]
  • OFFLINE
    Salvo Amico
    Post: 3,134
    Post: 2,172
    Registered in: 12/24/2012
    Location: CALTANISSETTA
    Vice Amministratore
    00 8/20/2014 1:33 PM
    Salvia Sclarea
    Altre piante dell'odorosa Moscatella ("Salvia moscata o Salvia Sclarea"), ed una pianta di vite con relativa uva in un terreno siccitoso.
    Questa varietà di Salvia,è ottima anche come pianta medicinale,dove viene usata pure per eliminare il gonfiore della gambe, l'infiammazzione degli occhi, e per facilitare il ciclo delle donne. Si possono usare un cucchiaio di foglie in una tazza di acqua calda, e dopo 15 minuti filtrare e bere due tazze al giorno mattina e sera (leggere sempre le istruzioni dal libro delle erbe medicinali.
    [SM=g7398]